Accessori per unghie bambini: migliori prodotti di Aprile 2021, prezzi, recensioni

Anche i bambini piccoli, insieme a neonati o lattanti, devono essere sottoposti al taglio delle unghie. Nonostante la lamina ungueale nei primi mesi o anni di vita siamo molto morbida e si indurisca solo con il passare del tempo, l’unghia può comunque spezzarsi e provocare dolore, ed inoltre il bambino può facilmente graffiarsi o graffiare con le unghie.

Per questa ragione è importante tagliare loro le unghie e farlo con gli strumenti giusti.

Quali strumenti usare?

Quando parliamo di neonati o bambini molto piccoli è importante usare forbicine con la punta arrotondata e l’impugnatura in plastica, adatte proprio a questo scopo. Le forbicine sono realizzate in acciaio inox ma non sono estremamente affilate, proprio perché le unghie in questo caso risultano essere morbide e quindi facili da accorciare.

La punta arrotondata ci permette di scongiurare eventuali ferite dovute ai movimenti improvvisi che i bimbi spesso compiono. Per questa ragione infatti è sempre consigliabile provare a tagliare le unghie ai piccoli mentre dormono oppure quando sono particolarmente tranquilli.

È sempre meglio magari farsi aiutare da un’altra persona che tiene ben saldo il piedino o la manina del piccolo mentre noi siamo impegnati a tagliare.

Consigli per il taglio

Anche se piccoli, è sempre importante nel taglio delle unghie dei piedi, ricordare di tagliare le unghie in maniera dritta e di non eliminare le parti laterali. Il taglio anomalo dell’unghia può essere sempre pericoloso.

Oltre alla parte laterale da lasciare al suo posto, che siano unghie delle mani o dei piedi, è importante che siano tagliate in maniera dritta e che non ci siano parti appuntite. Angoli o parti appuntite potrebbero infatti graffiare il bambino ma se non riusciamo ad evitare la loro comparsa, possiamo poi aiutarci nella loro eliminazione con una lima in cartone.

La lima ci permetterà quindi di eliminare le parti appuntite e fare in modo che le unghie risultino dritte. La lima in cartone è la migliore in questo caso perché la più delicata e facile da usare.

Un altro consiglio da poter applicare è l’uso dell’acqua tiepida che può aiutare a rendere le unghie più morbide e più semplici da tagliare.

La gestione delle unghie del bambino è da affidare ad un adulto dalla nascita fino all’età di circa dieci anni. A quell’età si può poi pensare di insegnare al bambino a fare da solo, sottolineando quanto siamo importante seguire i consigli sopraelencati.

A partire dai sei o sette anni, quando le unghie sono diventate più robuste, si può iniziare ad usare un tagliaunghie al posto delle forbicine.

Le abitudini

Ogni bambino ha comunque le sue abitudini. Ciò significa che il momento e le modalità perfette per la gestione del taglio delle unghie cambiano da bimbo a bimbo. In alcuni casi è possibile farlo solo mentre dormono, in altre i bambini si rilassano dopo il bagnetto e permettono quindi di tagliarle senza difficoltà.

Sono molti anche i bambini che però non hanno particolari problemi e bastano una filastrocca o una canzoncina per permettere ai genitori di tagliare le unghiette anche quando sono svegli.

Sono Teresa e sono napoletana. Sono appassionata da sempre di libri, cucina e lifestyle. Mi piace chiacchierare e condividere le mie opinioni con gli altri. Il confronto è la via migliore per fare la scelta giusta e consigliarsi con gli altri è sempre utile. Sono molto attiva sui social media e sui miei profili parlo di tante cose, scambio consigli con la mia community e mi diverto. Il momento preferito della giornata per me è la colazione, che sia a casa o al bar amo svegliarmi con il mio cappuccino.

Back to top
menu
guidapedicure.it