Tagliaunghie: guida generale, informazioni sui prodotti, istruzioni per l’uso

Il tagliaunghie è un piccolo strumento realizzato in acciaio inox che serve per tagliare, e quindi accorciare, le unghie di mani e piedi.

Le unghie sono lamine di cheratina stratificate collocate alle estremità delle dita, sia delle mani che dei piedi. Si tratta di una parte del corpo importante perché protegge le dita stesse.

È una parte in continua crescita, un po’ come i capelli, che deve essere curata perché potrebbe portare infezioni o fastidi.

In base al nostro gusto personale, possiamo decidere se tenere le unghie corte o lunghe, possiamo adattarle alla nostra vita quotidiana per fare in modo che la loro lunghezza non sia per noi d’intralcio. Le mani sono sempre esposte e con esse facciamo di tutto, il lavoro, le faccende di casa e tante altre cose. Le unghie eccessivamente lunghe potrebbero portarci qualche fastidio ed impedirci di muoverci ed agire nella maniera migliore. Le unghie dei piedi troppo lunghe invece, potrebbero causarci dolore soprattutto quando indossiamo le scarpe.

Insomma, qualsiasi sia il nostro gusto, è comunque importante che la lunghezza delle unghie si adatti al nostro stile di vita ma sia anche giusta per la salute delle unghie stesse.

Come è fatto un tagliaunghie

Il tagliaunghie si presenta come uno strumento piccolo e compatto. È realizzato in acciaio inox ed ha una dimensione che cambia a seconda dell’uso. In genere il prodotto può essere lungo anche solo cinque o sei centimetri, ed essere utilizzato sia per le unghie delle mani che per quelle dei piedi.

Tuttavia, esistono alcuni modelli specifici per le unghie dei piedi che sono più dure e robuste di solito. In questo caso il tagliaunghie è identico ma arriva a misurare anche otto o nove centimetri di lunghezza ed ha una grandezza maggiore che lo rende più adatto ad un taglio forte.

In base al modello che scegliamo, possiamo trovare al suo interno anche una piccola limetta, e di solito ogni tagliaunghie è realizzato in maniera tale da avere una leva di sicurezza che lo rende innocuo quando chiuso.

Come funziona un tagliaunghie

Questo strumento funziona con una serie di leve che permettono il taglio dell’unghia. Il prodotto infatti presenta una estremità occupata da due lame che combaciano e che quando in uso si chiudono sull’unghia fino a tagliarla. Premendo la leva andiamo quindi ad esercitare questa pressione che porta al taglio e rilasciando la leva le due lame si aprono.

All’interno dell’impugnatura del tagliaunghie, che in fin dei conti è il tagliaunghie stesso, troviamo spesso anche una limetta. Una piccola lima, anch’essa in metallo, che può aiutarci a limare qualche punto dell’unghia rimasto appuntito ma che non vogliamo tagliare. Di solito, inoltre, ad una delle estremità della limetta, c’è una sorta di piccolo uncino che ci permette di eliminare lo sporco che spesso si accumula sotto le unghie.

La limetta in questione è richiudibile su sé stessa, tanto che una volta riposta non fuoriesce dallo strumento.

Per evitare possibili incidenti, il tagliaunghie è inoltre dotato di una levetta di sicurezza. La leva che noi andiamo a premere per tagliare, quando abbiamo terminato il nostro lavoro, va ruotata e riportata nella posizione di sicurezza. In questo modo le lame del tagliaunghie non potranno toccarsi e chiudersi, evitando di tagliare.

La differenza tra tagliaunghie e tronchesino

L’uso del tagliaunghie è principalmente domestico. Questo strumento infatti viene usato principalmente in casa quando decidiamo di tagliare le unghie in autonomia. Se invece ci rivolgiamo ad un professionista, spesso al posto del tagliaunghie viene usato un altro strumento di taglio: il tronchesino.

In entrambi i casi lo scopo resta lo stesso, ovvero accorciare la lunghezza delle unghie, ci sono però delle differenze tra i due strumenti.

Il tagliaunghie è meno preciso nel taglio ma più facile da impugnare ed usare. Il tronchesino ha invece un’impugnatura diversa che può essere più difficile da gestire, ma offre un taglio molto più preciso e netto. Con il tronchesino, tra l’altro, si potranno eliminare anche le cuticole e le pellicine, vista la precisione delle sue lame. Un lavoro che invece con il tagliaunghie diventa difficile ed anche pericoloso perché le lame non sono adatte a questa operazione.

Il consiglio è quello di avere in casa entrambi i prodotti per poter imparare piano piano ad usare il tronchesino ma avere comunque uno strumento di emergenza facile da usare come il tagliaunghie. In entrambi i casi il costo è basso e molto accessibile, per cui non risulta impossibile farsi carico di entrambi gli strumenti.

Inoltre, si tratta di due prodotti realizzati con un materiale resistente e duraturo nel tempo. L’acciaio inossidabile è usato in entrambi i casi e questo ci permette una durevolezza nel tempo importante, ed anche igiene perché il materiale si presta a lavaggi e disinfezioni.

Sarebbe consigliabile avere un tagliaunghie per ogni membro della famiglia, in modo tale da evitare contaminazioni di germi e batteri. Se questo non è possibile, è consigliabile lavare il tagliaunghie, o almeno le lame, dopo averlo usato.

Sono Teresa e sono napoletana. Sono appassionata da sempre di libri, cucina e lifestyle. Mi piace chiacchierare e condividere le mie opinioni con gli altri. Il confronto è la via migliore per fare la scelta giusta e consigliarsi con gli altri è sempre utile. Sono molto attiva sui social media e sui miei profili parlo di tante cose, scambio consigli con la mia community e mi diverto. Il momento preferito della giornata per me è la colazione, che sia a casa o al bar amo svegliarmi con il mio cappuccino.

Back to top
menu
guidapedicure.it